Nocera Inferiore, scoppia il caso della “Multiservizi”

«Basta con il clima da caccia alle streghe», sul caso Nocera Multiservizi è scontro tra il segretario generale della Filt Cgil Amedeo D’Alessio e il sindaco di Nocera Inferiore Manlio Torquato. Il sindacalista replica in maniera piccata ad alcune dichiarazioni rese dal primo cittadino nel corso della conferenza stampa convocata per annunciare l’automazione dei parcheggi chiusi. Torquato, infatti, nel corso dell’incontro con la stampa aveva invitato lavoratori e sindacati a fare la loro parte per il rilancio della società comunale ma aveva anche chiesto alle organizzazioni sindacali di favorire i controlli e le verifiche avviate dall’azienda e dal Comune ad esempio sui certificati di malattia. D’Alessio, sul punto, è categorico: «Il primo cittadino ha preso un abbaglio rispetto alla questione dei certificati di malattia, dal momento che come Filt Cgil non abbiamo mai contestato le relative verifiche che l’azienda ha messo opportunamente in atto».

Il sindacalista pone, poi, l’attenzione sulle “pecche” dell’amministrazione e dell’azienda ed elogia l’operato dei dipendenti della Multiservizi. «Come un disco vecchio e rotto, il sindaco Torquato non perde occasione per inveire gratuitamente contro i lavoratori della Nocera Multiservizi che, invece, continuano degnamente a fare il proprio dovere pur in presenza di mille difficoltà –si legge in una nota-. Basti pensare ai continui ritardi con cui si erogano gli stipendi, alle spettanze arretrate o al fatto che da anni non si consegnano le divise di lavoro. Nonostante tutto, gli standard di produttività dei lavoratori restano comunque apprezzabili. Nel 2013, solo gli ausiliari al traffico hanno elevato circa tremila contravvenzioni. Non condividiamo, quindi, questa ennesima entrata a gamba tesa che si verifica, oltretutto, proprio nel mentre è in corso un difficile ma fattivo dialogo tra il sindacato e la società».

D’Alessio bolla come «sbagliato e pericoloso» l’atteggiamento del sindaco, paragonandolo a «una sorta di caccia alle streghe con la quale si cerca, inutilmente, di coprire le responsabilità dell’Amministrazione rispetto alle ataviche problematiche della Nocera Multiservizi come del resto testimoniano i debiti accumulati dal Comune». Il sindacalista della Filt Cgil invoca quindi un cambio di rotta da parte del primo cittadino e assicura il massimo impegno dei dipendenti. «Deploriamo fortemente questa deriva demagogica, forse anche dettata da un certo appiattimento politico generale che porta alla ricerca di un necessario nemico per vivere un sussulto di emozioni –conclude D’Alessio-. Ad ogni modo, vogliamo assicurare che i lavoratori continueranno a non far mancare il loro significativo contributo per migliorare i servizi che si offrono ai cittadini. L’auspicio, ovviamente, è che possano farlo in un rinnovato clima di serenità e di reciproco rispetto».

Ma non finisce qui. Stamani al Comune si svolgerà l’atteso faccia a faccia tra sindacati, sindaco e presidente della Multiservizi per discutere del servizio igiene urbana. Un confronto chiesto da Antonio De Michele della Cisl e da Leonardo Tortora della Cgil per affrontare alcune spinose questioni e in particolare della carenze che si registrano presso il cantiere, della necessità di sostituire alcuni automezzi ormai inutilizzabili ma anche dei controlli messi a segno dal primo cittadino che, qualche giorno fa, alle prime luci dell’alba ha eseguito una sorta di “blitz” per verificare l’operato degli addetti, i quali però non ci stanno a passare per “fannulloni”.
Tiziana Zurro