San Valentino Torio, blitz della finanza presso l’azienda speciale

Guardia di Finanza di Scafati in visita, mercoledì mattina, presso la sede della “San Valentino Servizi”, in Via dell’Ecologia. Finisce nel mirino delle fiamme gialle l’azienda speciale, in house, del comune che gestisce il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti cittadini. Accertamento avvenuto in seguito alla richiesta di alcuni atti fatta dai tre componenti di San Valentino Futura: Raffaella Zuottolo, presidente del consiglio comunale di San Valentino Torio, Marco Amatrudo e Nunzio Giudice, entrambi consiglieri comunali.

I tre consiglieri lo scorso febbraio hanno chiesto pubblicamente mediante l’affissione di un pubblico manifesto, di conoscere, il nome delle ditte esecutrici dei lavori; il costo dei lavori di trasformazione dell’ex Mattatoio comunale nell’attuale Isola ecologica; le modalità di assegnazione degli appalti; i saldi dell’avvenuto pagamento. I tre consiglieri di opposizione considerando elevati i costi per la realizzazione del centro raccolta rifiuti nell’ex Mattatoio. I tre, oltre alle fiamme gialle della compagnia di Scafati, hanno scritto anche al responsabile dell’ufficio Sef, servizi economici e finanziari Giovanni Padovano, e al direttore della San Valentino Servizi Ettore Rolando De Vivo.

Dopo il blitz dei militari a chiarire la vicenda il presidente della San Valentino Servizi, Vincenzo Salerno si dice fiducioso e sereni nel lavoro investigativo delle fiamme gialle. Il centro di raccolta “San Valentino Servizi” ha in forza venti dipendenti. L’azienda speciale fondata nel 2009 fu collocata nell’ex mattatoio in un’area abbandonata di via Sottosanti, attuale Via dell’Ecologia. Area che fu bonificata e trasformata interamente con fondi comunali. Dal 2009 con il supporto dell’azienda speciale, il comune di San Valentino Torio ha raggiunto dati importanti per quanto riguarda la raccolta differenziata, circa il 64%, dati dell’osservatorio regionale sui rifiuti.