Scafati, Casciello pronto a diventare consigliere indipendente

"Restituisco le deleghe al Pip ed al commercio” così il consigliere comunale in quota Udc, Mimmo Casciello, ufficializza la sua voglia di tenersi fuori dalla maggioranza e lascia gli incarichi ottenuti. Una decisione sicuramente difficile a cui potrebbe seguire anche quella di non far più parte del cda di AgroInvest a seguito delle divergenze nella maggioranza del primo cittadino Pasquale Aliberti. Il sindaco sarebbe stato chiaro : per adesso il posto nell’esecutivo per Casciello, non c’è. Sebbene Pietro Paolo Elefante sia già in pratica fuori dall’esecutivo cittadino, come ha ribadito lo stesso segretario dell’Udc, Alfonso Di Massa, non è detto che entrerà Casciello al suo posto. Il problema è che se scattasse la poltrona nell’assise comunale allora entrerebbe al posto di Casciello, Giacinto Grandito.

Conncetivia voucher 2,5

L’ex vicesindaco non è proprio la ‘faccia’ che Aliberti vorrebbe vedere nella sua maggioranza visti gli screzi degli ultimi mesi del suo primo mandato che avevano addirittura spinto all’uscita di scena forzata del centrista dall’esecutivo. Quando poi, si è paventata l’ipotesi dell’arrivo di Diego Chirico in Giunta e addirittura quella del non eletto Mario Ametrano, ex consigliere fedelissimo del sindaco, allora Casciello è esploso. Ieri mattina al protocollo ha consegnato le dimissioni dalla delega al Pip e da quella alle attività produttive. Tutto era iniziato lo scorso 11 aprile quando il consigliere comunale Mimmo Casciello si era dichiarato indipendente in maniera ufficiosa. Ieri poi la lettera protocollata a Palazzo Meyer.

Il consigliere, in una lettera recapitata alla riunione di maggioranza delle scorse settimane aveva scritto: “Il clima polemico instauratosi all’interno di questa maggioranza non consente un costruttivo confronto sui temi che interessano la città. Per questa unica ragione, in qualità di consigliere comunale dell’Udc, ho deciso di non prendere parte a questa ed alle prossime riunioni finchè all’interno di questa maggioranza non si plachino le sterili polemiche e si torni presto ad un sereno clima di confronto politico. Annuncio al mia intenzione di rimettere la delega alPip ed al commercio nelle mani del sindaco” dichiara “Nell’assise comunale voterò di volta in volta sugli argomenti posti all’ordine del giorno senza tener alcun conto dell’orientamento della maggioranza”. Una decisione che era stata solo detta in maniera ufficiosa, una pietra nello stagno che però non aveva dato il seguito sperato. Infatti, il sindaco non sembraintenzionato a nominarlo assessore nonostante l’assenso della sua maggioranza, favorevole all’ingresso in Giunta di Casciello. Ecco quindi che sono arrivate le dimissioni ufficiali dal Pip e dal commercio e chissà che non arrivino presto anche quelle da AgroInvest.
Valeria Cozzolino