Scafati, Santocchio punta il dito contro la gestione AgroInvest

“Agroinvest è una società allo sbando, non è possibile che il Cda ogni volta che è convocato vada puntualmente deserto” comincia così la lunga disamina di Mario Santocchio, consigliere comunale di Fratelli d’Italia ed ex amministratore della stessa società. Secondo Santocchio la Stu dovrebbe approvare il bilancio entro il 30 Giugno ma il Cda non è stato ancora convocato e peggio ancora, lo stesso bilancio non è stato neanche redatto. La motivazione sarebbe da addebitare alla pesante perdita di circa 700mila euro, “Il codice civile in casi simili è chiaro, senza indugio alcuno deve essere convocata l’assemblea dei soci – spiega Santocchio – per illustrare a questi la perdita e spiegare quali azioni intraprendere”.

Agroinvest oggi è presieduta da Felice Luminello, ma manca ancora l’amministratore delegato. “E’ un peccato che la Stu sia finita nello stallo, la società a differenza di molte altre partecipate ha in organico personale altamente qualificato e competente, potrebbe davvero fare tanto per l’agro nocerino ma una politica incompetente rischia di farla affondare”. Mario Santocchio critica il nuovo corso: “non è possibile che non venga convocata un’assemblea dei soci per mostrare nuovi piani industriali, nuove strategie o spiegare come procedere con la pesante perdita in bilancio. Il Cda non può andare sempre deserto, occorre un’assunzione di responsabilità da parte dei componenti, se ci fossero dei problemi lo dicessero o si dimettessero” poi punta l’indice: “basta considerare le nomine come medaglie da appuntarsi al petto. Bisogna assumersi prima gli oneri e poi gli onori”.

L’ex amministratore ne ha anche verso il primo cittadino Pasquale Aliberti, che ha appoggiato il nuovo corso della Stu: “Scafati non è una cittadina qualunque, ma il primo centro dell’Agro eppure dalla Regione i finanziamenti per le aree PIP finiscono altrove, a comuni più piccoli come Serino. Aliberti evidentemente quando si reca in Regione chiede altro, e non fondi”. Delegato a rappresentare Scafati nel Cda è il consigliere comunale Mimmo Casciello. “Non voglio polemizzare con Casciello, ma anche lui diserta le convocazioni”. Santocchio conclude la sua disamina con una osservazione: “Agroinvest potrebbe affiancare la Scafati Sviluppo nel progetto di riqualificazione della ex Copmes, considerata la professionalità e competenza del suo organico, a differenza della Stu scafatese che non ha nessuno”. Intanto il 30 giugno è alle porte: “il rischio di affondare è concreto”.
Adriano Falanga