Roccapiemonte. Una nuova centenaria in città

Roccapiemonte si conferma essere terra di centenarie. Domani, giovedì 24 luglio, salirà a 4 infatti il numero delle cittadine rocchesi che hanno tagliato l'invidiabile traguardo del secolo di vita. Lucietta Ferrantina, classe 1914, donna dal temperamento forte e volitivo,pur segnata da tanti accadimenti non sempre felici, ha sempre mantenuto ben saldo il timone della sua esistenza. Nonna Lucietta è nata agli inizi di un secolo caratterizzato da grandi eventi. Davanti ai suoi occhi è passato l’orrore delle più grandi guerre che l’umanità abbia combattuto, la prima e la seconda guerra mondiale, ma sono anche passate quelle grandi scoperte che hanno cambiato il volto all’umanità.

La sua è stata una vita semplice, interamente dedicata alla famiglia e alla sua grande passione, l'arte del ricamo. Una donna dai sani principi e dotata di un grande cuore. Domani sera intorno a nonna Lucietta si stringerà tutta la sua famiglia. Agli auguri dei familiari si aggiungono anche quelli dell’Amministrazione Comunale di Roccapiemonte e di tutta la comunità. Il Sindaco Andrea Pascarelli e il vice sindaco Luisa Trezza domani sera faranno omaggio alla centenaria di una medaglia a ricordo del suo 100° genetliaco e di una pergamena che riporta una bella frase dello scrittore francese Marc Levy: "Le rughe della vecchiaia formano le più belle scritture della vita, quelle sulle quali i bambini imparano a leggere i loro sogni".