Angri. Allarme igenico sanitario nel centro cittadino

Invasione di topi, serpenti e anche blatte. Succede nel centro cittadino dove sono ancora accantonati i vecchi prefabbricati di Via Taverna del passo, nota anche come fondo Caiazzo. Dai resti dei moduli è un proliferare di insetti e roditori che assaltano anche le vicine abitazioni del centro storico. Un allarme igienico-sanitario che si estende anche ai prefabbricati, sempre abbandonati di Fondo Badia e quelli di Fondo Rosa Rosa senza alcun tipo di intervento di bonifica o rimozione, i più maligni sostengono che l’amministrazione stia conservando questi interventi per gli ultimi mesi di legislatura, mettendo di fatto a repentaglio la salute dei cittadini esposti anche al pericolo dell’amianto che in città non manca affatto.

Da oltre due anni si vive questa vergogna, un vera e propria bomba ambientale dovuta alla mancata rimozione dei prefabbricati leggeri e agli sversamenti illeciti di rifiuti, finiscono gli scarsi interventi di bonifica di una striscia di terra di proprietà dell'acquedotto e di una vasca del Consorzio. Ad oggi risultano inutili le centinaia di firme raccolte dai residenti esasperati dalla situazione, e protocollate al Comune, per chiedere al dinamico primo cittadino Pasquale Mauri a sollecitare Asl affinché venga effettuata un capillare intervento di derattizzazione e disinfestazione di tombini, giardinetti e viali. Ancora oggi sembra esserci un rimpiattino di competenze tra comune e Asl. Lo scorso febbraio l'Asl Sa1 aveva indetto il bando di gara per l'affidamento triennale del servizio. Pare che non sia stato ancora appaltato nel mentre il comune nicchia, ora è tempo di ferie, ci sarà tempo a settembre per risolvere la situazione.