Pagani. Allacci abusivi sulla rete elettrica pubblica, scattano i controlli

Allacci abusivi sulla rete elettrica del Comune di Pagani, il sindaco di Pagani, Salvatore Bottone, dispone controlli serrati per stanare i furbetti. A Palazzo San Carlo è giunta una maxi bolletta di circa un milione e mezzo di euro, una somma cospicua che ha messo in allarme l’amministrazione. Il sospetto è che alcuni cittadini approfittino della rete elettrica comunale per illuminare abitazioni e strutture private. Per smascherare i “ladri di energia elettrica”, il Comune ha lasciato al buio le strade di alcuni quartieri. Ad annunciare la stretta contro gli allacci abusivi alla rete pubblica è stato lo stesso primo cittadino, Salvatore Bottone. Tra le zone finite sotto osservazione, via San Francesco.

“Abbiamo notato che il consumo di energia elettrica in quell’area del centro storico della città è elevato – ha precisato il sindaco – ma abbiamo avviato verifiche anche lungo altre arterie”. Riflettori puntati sulle corti e sui parchi privati ma sulle strutture religiose. “Anche se siamo dei ferventi cattolici – ha precisato il sindaco – non possiamo esimerci dal controllare le Chiese . L’eccessivo consumo di energia elettrica nella nostra città deve essere al più presto spiegato per evitare che i cittadini onesti possano essere truffati da chi si crede di essere più furbo”. La Giunta comunale, intanto, ha approvato una delibera ad hoc per garantire la riduzione dei costi dell’energia elettrica, che pesano non poco sul magro bilancio dell’Ente.
Tiziana Zurro