Scafati. Crisi in maggioranza. L’affondo del centro sinistra

Dalle fila del centrosinistra arrivano le dichiarazioni del gruppo Pd alla crisi politica di maggioranza. E’ sintetico il capogruppo Vittorio D’Alessandro: “credo che oramai la situazione sia irreversibile e ciascuno deve agire di conseguenza, bisogna prendere atto che cosi non si puo' proseguire e, seguendo l'esempio di Eboli, ridare la parola agli elettori per il bene della nostra citta'. Aliberti dimostri il suo spessore e si dimetta ammettendo che non ha piu' la maggioranza”.

Entra nel dettaglio invece Marco Cucurachi: “Nella riunione dei Capigruppo del 29 settembre abbiamo chiesto la fissazione di una data congrua per la convocazione del Consiglio comunale avente ad oggetto l'approvazione del bilancio di previsione 2014, per consentirci di proporre, nel rispetto dei termini di legge, emendamenti concreti e specifici allo strumento finanziario”.

Il consigliere democratico poi denuncia difficoltà a reperire documenti inerenti il Bilancio: “In attesa di ottenere le legittime e necessarie informazioni, chieste con note dettagliate ed ufficiali, abbiamo stigmatizzato la chiusura da parte degli Uffici competenti al rilascio della documentazione chiesta. Chiusura che non ci consente di esercitare in maniera proficua il nostro ruolo di consigliere comunale”. Sgombra il campo da possibili “inciuci riguardanti un presunto accordo con il Presidente Coppola” e infine Cucurachi chiarisce: “trascinare in consiglio comunale una crisi politica in cui versa la maggioranza e' un atto gravissimo ed un' offesa all'intelligenza dei cittadini scafatesi, destinatari di un bilancio fallimentare. Venga il Prefetto a verificare lo stato dell'arte, gli apriamo le porte”.
Adriano Falanga