Angri. Centro DSM. Volantini stesi per protesta

L’Asl non avrebbe gradito la presenza dei volantini affissi da qualche giorno sulle pareti del Centro di Igiene Mentale di Angri e il sindacalista della Cgil Giovanni Grimaldi, piuttosto che rimuoverli, li stende davanti alla struttura. Armato di fune e mollette, ieri pomeriggio, ha sistemato i volantini tra due alberi in piazza Annunziata.

“Ho fatto il bucato con i panni sporchi – ha affermato ironicamente Grimaldi -. L’Asl ritiene che l’affissione dei volantini all’interno del Centro sia lesiva per il decoro della struttura, ma la gente deve sapere. Per questa ragione ha deciso di stenderli”. La singolare iniziativa arriva a pochi giorni di distanza dalla mobilitazione avviata contro l'affidamento del servizio emergenza-urgenza psichiatrica, che prima erogato nei distretti di salute mentale, al 118. Operatori, sindacati e familiari dei pazienti contestano la delibera n° 916 dell’Asl che a loro avviso potrebbe portare addirittura alla chiusura della struttura e che penalizzerebbe gli utenti.

“Con questa nuova organizzazione tutti gli interventi si trasformano in ricoveri e si determinano costi aggiuntivi e non un risparmio come affermano dall’Asl”, ha evidenziato nei giorni scorsi Grimaldi che ha messo in luce anche gli effetti negativi che il provvedimento potrebbe avere sugli utenti. “Bisogna mettere al centro le persone, umanizzare”, ha aggiunto.
Tiziana Zurro