Pagani. Il Teatro Sant’Alfonso è agibile?

Manca la certificazione che attesti l’agibilità del Teatro Sant’Alfonso, l’assessore Carmine De Pascale sollecita gli uffici competenti e segnala l’emergenza all’amministrazione comunale. A pochi giorni dall’avvio della stagione teatrale, il delegato alla cultura ha inviato una nota ai dirigenti dell’Ente, alla segretaria generale, agli assessori, ai capigruppo e al presidente del Consiglio comunale, segnalando la necessità di intervenire in tempi brevi.

“A seguito di Convenzione stipulata nel mese di ottobre fra l’Ente Comune e il Comitato Promotore “Teatro Unito”, è in corso l’organizzazione della stagione teatrale –scrive De Pascale-. Nell’atto di convenzione si evince che l’amministrazione si è impegnata a concedere la struttura “Teatro Sant’Alfonso”, dotata di tutte le agibilità di rito previste. Quest’assessorato ha più volte sollecitato, per le vie brevi, gli uffici di competenza al fine di ottenere un riscontro positivo in merito alla messa a norma della struttura, così come richiesto dalla commissione dei vigili del fuoco. Ad oggi, non avendo avuto alcun riscontro si sottolinea l’importanza nonché la necessità di tale adempimento, in vista dell’imminente inizio della stagione teatrale onde evitare che, in caso di inottemperanza, l’amministrazione possa incorre in sanzioni e procedimenti legali”. Il primo spettacolo è fissato per il 16 novembre, quando dovrebbe andare in scena la commedia “Una bugia tira l’altra” con Nathalie Caldonazzo, ma a pochi giorni dall’apertura del sipario mancherebbero ancora le necessarie certificazioni. La struttura di piazza Sant’Alfonso, venuta alla luce solo pochi anni fa quando alla guida della città c’era Alberico Gambino, inoltre, presenta già problemi strutturali. In particolare, si registrano infiltrazioni d’acqua all’ultimo piano, off limits da tempo. Dall’enorme cupola che sovrasta l’edificio, infitta, entrerebbe acqua piovana, che avrebbe provocato anche danni al parquet.

Tiziana Zurro