Angri. Il procuratore propone al sindaco Mauri l’encomio per l’agente Dionisio

L’agente di Polizia Locale Salvatore Dionisio attende l’encomio dal sindaco di Angri dopo essere stato segnalato, a seguito di una brillante operazione di Polizia. A segnalare il conferimento è stato addirittura il Procuratore della Repubblica di Nocera Inferiore, Giovanni Francesco Izzo. L’agente Salvatore Dionisio, dislocato presso la procura nocerina alla sezione di Polizia Giudiziaria collaborò attivamente, la scorsa estate, con l’aliquota Polizia di Stato, ad una complessa e delicata indagine che fece finire sotto inchiesta ben 48 persone delle quali ben 24 persone furono arrestate. L’operazione porto alla sbarra un’organizzazione che metteva a segno numerose appropriazioni di merci a danno di aziende italiane ed estere, con un danno quantificato di oltre 10 milioni di euro. L’inchiesta coordinata dal sostituto procuratore Giuseppe Cacciapuoti, mise in evidenza il lavoro investigativo di Dionisio e dei suoi colleghi tanto da essere, appunto, segnalato per un encomio.

Nella segnalazione, protocollata con il numero 27046 al protocollo generale del comune e indirizzata al sindaco di Angri viene messo a “riguardo, la diligenza e la particolare capacità investigativa (con l’utilizzo di metodologie d’indagine appropriate ed efficaci), nonché la dedizione e la tenacia profusi nell’indagine dal predetto agente”, la segnalazione fatta dal Procuratore capo si chiude citando l’articolo 47 del regolamento di Polizia Locale che legittima l’importante riconoscimento che il sindaco Mauri e il comandante della Polizia Locale dovranno conferire al giovane e meritevole agente Dionisio, vanto e punta di diamante del comando di Viale Michelangelo. Dionisio ora attende, con trepidazione, che i cerimonieri e lo staff del sindaco mettano in agenda la data della cerimonia che il comune starebbe preparando da circa tre mesi, proprio per encomiare uno dei suoi migliori agenti da tempo prestato alle attività investigative della procura della repubblica.

Luciano Verdoliva