Nocera Inferiore. Rifiuti in via Grimaldi, scontro Torquato-Franza

Vecchi mobili, cartoni, ingombranti lasciati accanto ai cassonetti dei rifiuti in Via Nicola Bruni Grimaldi, a Nocera Inferiore. Una discarica a cielo aperto all’ingresso della città, uno scempio segnalato, con tanto di foto su Facebook, dal consigliere comunale di Fratelli d’Italia-Principe Arechi, Antonio Franza, nella serata di martedì. Poche ore dopo, i rifiuti sono stati rimossi e il sindaco Manlio Torquato, ha postato le foto dell’area finalmente libera dai cumuli e ha commentato “Via N.B. Grimaldi ripulita stamattina. No ai vandali e ai cafoni in città”.

Purtroppo, non è la prima volta che in quella zona si registrano sversamenti indiscriminati. Solo poco tempo fa, fu abbandonata una panchina, precedentemente divelta. Il primo cittadino ha rivelato che “i portatori della panchina” sono stati filmati da una telecamera di videosorveglianza e che è già partita la segnalazione all’autorità giudiziaria. Attualmente, però, nessun occhio elettronico vigila su via Grimaldi. “E’ difficile immaginare tutta città riempita di telecamere, inoltre anche lo sbobinamento e il controllo richiederebbero un apparato organizzativo autonomo –ha dichiarato il sindaco-. In via Grimaldi abbiamo avuto una telecamera e vedremo chi siamo riusciti a beccare. Forse quella zona è critica perché è punto di attraversamento”. Torquato fa, dunque, appello al senso civico dei suoi concittadini. “A distanza di due anni e mezzo, la situazione è migliorata anche se non è ottimale –ha affermato il primo cittadino-. Abbiamo un impegno rispetto alla Multiservizi per migliorare sul fronte rifiuti e spazzamento. Il nuovo manager Argentino sta lavorando proprio a questo, il lavoro è quasi pronto, sarà presentato all’esame delle forze consiliari e delle rappresentanze sindacali. Invito i nocerini ad essere orgogliosi della propria città e a rispettarla”.

Il consigliere comunale Antonio Franza, dal canto suo, chiede maggiore attenzione per le periferie e per il quartiere “Pino Secco”. “Ci rendiamo conto che la telecamera non poteva essere mantenuta sull’impianto di energia elettrica di un privato, ma prima di rimuoverla i tecnici del Comune avrebbero potuto sistemarla altrove –ha sottolineato-. Mentre si esalta l’importanza della telecamera per l’individuazione degli autori del gesto della panchina, la si fa rimuovere. Superficialità o incompetenza?”. L’esponente della minoranza elenca anche altre criticità che assillano la zona: la mancanza di segnaletica stradale, la mancata pulizia delle caditoie, un manto stradale non perfetto, l’assenza di rallentatori di velocità. “Ho sempre riconosciuto l’impegno profuso dal sindaco, pur non condividendo le scelte e le metodologie d’azione –ha concluso l’esponente di FdI-, ma resto dell’opinione che si doveva fare di più. Questa amministrazione da un lato sembra voglia aprire alle forze di minoranza, dall’altra appare restia ad ogni forma di collaborazione. Se qualcuno è abituato a pensare che ogni sollecito sia un attacco si sbaglia di grosso. I servi sciocchi non hanno fatto mai bene alla politica e soprattutto a chi amministra”.
.