Maltempo. Angri sott’acqua in periferia e strade gruviera al centro

Preoccupano le condizioni meteo. Le abbondanti piogge di queste ore stanno praticamente mettendo in ginocchio la zona rurale del paese. In periferia, infatti, si registrano nuovi allagamenti che da alcuni giorni stanno interessando le zone di Via Orta Longa, località Avagliana e località Taurana ai confini con San Marzano Sul Sarno e Sant’Egidio del Monte Albino. Questa volta non è stato il Rio Sguazzatorio ad tracimare, seppure pericolosamente ingrossato dalle piogge delle ultime precipitazioni. I lavori di pulizia e dragaggio effettuati qualche settimana fa proprio sul tratto critico in Via Orta Longa hanno ben tenuto alle varie ondate di piena provenienti dalle vicine confluenze del Sarno e della Cavaiola.

Ad allagare colture, pianterreni di case e scantinati è stato il progressivo innalzamento della falda acquifera, che nella zona è particolarmente superficiale. Le varie falde, infatti, si trovano collocate molto in superficie e con le abbondanti piogge si ingrossano creando una sorta di effetto spugna. Il terreno non riesce quindi a drenare l’acqua precipitata allagando le aree circostanti. Molti abitanti della zona, in queste ore di maltempo, sono rimasti intrappolati nelle loro case testimoniando la drammaticità, e la forza degli allagamenti, attraverso le foto postate a mezzo social anche nei vari gruppi creati ad hoc per l’emergenza. Nella zona, in queste ore, è difficile anche spostarsi con auto e altri mezzi poiché l’acqua ha inondato anche i veicoli rendendoli praticamente inutilizzabili.

Pompe ed idrovore, fornite anche dalla locale Protezione Civile, sono immediatamente entrate in azione per fare fronte alle molte richieste di aiuto. Anche il centro cittadino è stato invaso dalle acque piovane, fortunatamente senza grossi danni. Un disagio, anche in questo caso, ben documentato via social, che ormai si ripete costantemente da quattro anni per la scarsa manutenzione e pulizia delle caditoie. Purtroppo con l’arrivo della stagione delle piogge si ripropongono esattamente le stesse criticità. Via Risi, Via Ponte Aiello, Via dei Goti ma anche il centro cittadino diventa un torrente. Insomma una città invasa da fango e melma, ma anche da enormi voragini nell’asfalto degradato, che crea molti disagi ai cittadini che ancora una volta, dalla periferia al centro, chiedono a gran voce maggiore vigilanza e una più attenta e programmata prevenzione, ma soprattutto la pulizia di caditoie e altri canali di deflusso delle acque.

Luciano Verdoliva