Pagani. D’Onofrio bacchetta Bottone: “Strade gruviera e traffico, la città è diventata una giungla”

“Strade dissestate e traffico caotico: la città si è trasformata in una giungla”, la denuncia arriva dal capogruppo di Fratelli d’Italia, Massimo D’Onofrio. L’esponente di minoranza bacchetta duramente l’amministrazione del sindaco Bottone, tacciandola di scarso decisionismo e di immobilismo. “In un contesto già difficile per carenza di sicurezza e di ordine pubblico –tuona D’Onofrio-, mi duole segnalare ancora una volta un senso di trascuratezza in cui versa la nostra città, a causa dell’incuria amministrativa. Proprio nel periodo più economicamente vantaggioso per i commercianti si nota un caos urbano che non ha precedenti. Alcuni consiglieri di maggioranza avevano segnalato giuste problematiche di viabilità lasciate inascoltate”.

Il consigliere di FdI si sofferma, in particolare, sulle strade dissestate e sui disagi che sono costretti a vivere automobilisti e pedoni. “A Pagani in questi giorni per traffico e manutenzione strade –va avanti- si assiste a spettacoli da giungla urbana nella esasperazione di pedoni e automobilisti. Il dramma è che apparentemente nessuno interviene”. Infine l’amara chiosa: “La svolta tanto desiderata non c’è stata né mai ci sarà –conclude l’ex assessore provinciale-, il modello di governo che si sta affermando e ‘ quello dell’indecisionismo ad oltranza causa dell’apatia civile in cui è sprofondata la nostra città”.

Parole dure quelle di D’Onofrio, che invoca interventi da parte del sindaco Salvatore Bottone e della sua giunta. E non è il solo. Cittadini e automobilisti, anche attraverso segnalazioni sui social network, da tempo segnalano la pericolosità di alcuni tratti stradali e i disagi dovuti al mancato rispetto delle regole. Enormi voragini si notano lungo molte arterie del centro e della periferia. In via Mangioni, gli automobilisti sono costretti a pericolosi slalom per evitare le trappole. Non va meglio in via Carlo Tramontano, la strada molto trafficata è diventata un sentiero di guerra, pieno di insidie per quanti la percorrono. Buche anche in via Alcide De Gasperi e via Garibaldi. Un problema quello delle strade gruviera che diventa vera emergenza nei giorni di pioggia, quando le buche colme d’acqua non risultano visibili e mietono numerose vittime tra gli automobilisti. Il problema delle strade dissestate rischia di ripercuotersi negativamente, inoltre, sulle casse del Comune chiamato a risarcire quanti subiscono incidenti e danni.

Sul fronte viabilità restano da affrontare anche altre emergenze. In città non è raro imbattersi in automobili che si fermano in doppia fila e che intralciano il traffico e il passaggio degli autobus o in vetture in sosta in zone non adibite a parcheggio, vedi piazza Sant’Alfonso e piazza Corpo di Cristo. File di auto anche sui marciapiedi e davanti agli scivoli riservati a portatori di handicap e passeggini. Un controllo capillare da parte dei caschi bianchi consentirebbe di arginare tali fenomeni e di mitigare i disagi per automobilisti e pedoni. L’assunzione a tempo determinato di cinque nuovi agenti di polizia locale, annunciata dal sindaco Bottone, potrebbe favorire l’avvio di controlli mirati.

Tiziana Zurro