Pagani. “Casa della Poesia” all’Auditorium “Sant’Alfonso”, la proposta di Gambino

Casa della Poesia” all’interno dell’Auditorium “Sant’Alfonso Maria de’Liguori” di Pagani. La proposta è del Consigliere Regionale Alberico Gambino che, questa mattina, ha inviato una lettera al Sindaco di Pagani Salvatore Bottone e, per conoscenza, alla Direttrice di Casa della Poesia Raffaella Marzano.

Di seguito il testo della missiva:

“Egregio signor Sindaco,
Casa della poesia nasce nel 1996, producendo la prima presentazione pubblica e la prima manifestazione (Lo spirito dei luoghi, novembre 1996), e prosegue ininterrottamente le sue attività come un progetto al tempo stesso reale e virtuale. Reale, in quanto ha creato una vera e propria struttura stabile organizzata come biblioteca, mediateca, centro di promozione della poesia internazionale, casa alloggio per poeti di tutto il mondo (con un’attenzione particolare ad aree “difficili” del mondo), centro di raccolta, promozione e produzione di materiali audiovisivi sulla poesia. Virtuale, considerato che ha utilizzato al meglio le opportunità che la tecnologia contemporanea offre: creazione di un grande sito web (www.casadellapoesia.com) che raccoglie materiali provenienti da tutto il mondo e che rende il progetto slegato dal luogo di partenza e lo irradia nella rete globale (archivio, testi, registrazioni, rivista on-line, dirette audio e video, ecc.).

L’organizzazione è ormai una realtà importante sul territorio nazionale avendo in questi anni organizzato e promosso una rete di relazioni e collaborazioni con strutture culturali di altri paesi europei ed extraeuropei, che fanno di essa un vero punto di riferimento internazionale riconosciuto e riconoscibile.
Altro aspetto importante dell’attività di siffatta organizzazione sta nella promozione e diffusione della poesia contemporanea nelle scuole di ogni ordine e grado: da semplici materiali messi a disposizione di studenti e docenti (libri, video, registrazioni, ecc.), alla realizzazione di progetti comuni con Istituti superiori, Università, (incontri con autori, letture, conferenze, incontri, ecc.).

In estrema sintesi la struttura di Casa della poesia si è sempre più affermata come una vera e propria impresa culturale internazionale in grado di competere sul territorio nazionale ed internazionale nel proporre e realizzare grandi e piccoli eventi culturali dalla dimensione internazionale.

Purtroppo, per vicissitudini di vario genere, quest’importantissima struttura di eccezionale ed elevato livello culturale è senza una sede degna del proprio prestigio e del proprio valore con la conseguenza che oltre 20.000 volumi sono “ ancora impacchettati negli scatolini e parcheggiati in un deposito” in attesa di avere una degna e decorosa sistemazione.

Il territorio comunale di Pagani ha la fortuna di avere una struttura di elevato prestigio architettonico e strumentale collocata al fianco della Basilica di Sant’Alfonso e al prestigioso museo alfonsiniano. Mi riferisco all’Auditorium “S.Alfonso Maria De’ Liguori” che, per come strutturato internamente e strumentalmente dotato, ben si presta a diventare sede permanente della Casa della Poesia, organizzazione cui potrebbe essere concessa in comodato d’uso gratuito parte di detta struttura in modo che il proprio patrimonio librario e le proprie competenze, specificità e professionalità potrebbero essere impiegate per lo sviluppo e la crescita culturale del territorio regionale e per rendere funzionale, allo scopo per cui l’Auditorium è stata realizzato, la struttura oggi oggettivamente inutilizzata.

Tanto premesso invito la S.V., e l’organizzazione Casa della poesia, a valutare la possibilità di una concreta e fattiva attuazione di una collaborazione nel senso prima indicato individuando forme e modi per rendere operativo un progetto di crescita ulteriore sia della Casa della poesia sia dell’Auditorium di cui trattasi.

Il presente progetto, se positivamente valutato da ambedue le parti in causa cui è diretto il mio appello accorato, troverebbe sicuramente l’interesse della Regione Campania – la cui ipotesi progettuale è stata già accennata ai competenti organismi di vertice – esplicabile attraverso sostegno morale, istituzionale ed economico.

Resto in attesa di concreto ed urgente riscontro a questa mia proposta assicurando sin da ora il mio sostegno istituzionale a far si chè la Regione Campania possa intervenire in merito come componente di un progetto di più largo respiro finalizzato a rendere l’Auditorium “ Sant’Alfonso Maria De’ Liguori”, e la conseguente gestione di esso da parte di Casa della Poesia, uno dei punti culturali più importante del territorio regionale.”