Nocera Inferiore. Bar Nasti, un incendio manda in fumo storia e sacrifici

Era chiuso stasera il “Bar Nasti”. Il locale storico della città, portato in auge dai fratelli Nasti, nella notte è stato interessato da un incendio. L’auspicio è che il bar famoso per il gelato nell’anguria scavata, i profiteroles, i cappuccini ed i cornetti del primo mattino, ma soprattutto per il caffè possa riaprire a breve.

Ultimamente aveva cambiato gestione e proprietà, non più la famiglia Nasti, ma le delizie erano quelle di sempre.

Su Facebook, oggi è comparso il triste messaggio che riportiamo integralmente.

“Questa notte il Fato ha messo fine ad uno dei bar più storici di Nocera Inferiore e credo dell’agro nocerino-sarnese!!! Fuoco e fumo hanno sciolto nel nulla i sacrifici di tutti quelli che ci lavoravano ed hanno dato l’anima per questo bar, me compreso!!! Ed è con loro che in primis solidarizzo, i miei amici-colleghi, perché ritrovarsi senza più un lavoro non è bello!!! Non so se ci sarà la forza e la volontà di ripartire da parte dell’amico Franco, staremo a vedere, ma se bisognerà rimboccarsi le maniche noi tutti siamo presenti e solidali al suo fianco!!! In caso così non fosse a nome di tutto lo staff il nostro ultimo desiderio è quello di rivedere questo storico bar di nuovo in mano alla famiglia Nasti con l’augurio che essi possano di nuovo riportarlo in auge, perché mezzo secolo di storia non può essere cancellato da una maledetta notte!!! (Luca Trabucco e l’intero staff del Bar Nasti)”.

Numerosi gli attestati di solidarietà giunti dai cittadini dell’Agro nocerino, che hanno commentato il post auspicando una imminente ripresa delle attività.

Redazione