Pagani. Iannone (FdI): “Gambino sarà candidato alle regionali”

“Gambino sarà candidato alle regionali”. Il coordinatore regionale di Fratelli d’Italia, Antonio Iannone, a poche ore dalle decisioni del Tribunale del Riesame, che ha disposto la misura cautelare in carcere per l’ex sindaco di Pagani, conferma la decisione del partito di puntare sul consigliere regionale uscente. Nulla cambia, dunque. Nessun passo indietro, nessun ripensamento. “Fin quando la legge dà la possibilità di candidarlo –ha chiarito l’ex presidente della Provincia-, noi lo candidiamo, proprio perché siamo rispettosi della legge e abbiamo fiducia nella magistratura”.

La misura cautelare nei confronti di Gambino, coinvolto insieme a Massimo D’Onofrio nell’inchiesta “Criniera”, sul presunto intreccio tra politica e camorra, è sospesa in attesa del ricorso in Cassazione. La Suprema Corte potrebbe pronunciarsi, però, anche ad elezioni regionali avvenute. Nel frattempo, non essendoci impedimenti di legge la discesa in campo di Gambino, che già da tempo è al lavoro in vista della tornata elettorale, non dovrebbe essere messa in discussione dal suo partito.

La “questione morale” e le mere ragioni di opportunità non sembrano rappresentare alcun ostacolo per il vertice regionale di FdI. “Mi sembra che le questioni morali si facciano solo quando riguardano gli altri partiti, basta guardare le vicende che riguardano il Pd”, ha concluso Iannone.

Sulla testa di Gambino, però, pende anche un’altra spada di Damocle, quella relativa alla possibile incandidabilità. La Corte di Appello di Salerno, qualche mese fa, ha rigettato il reclamo che il consigliere regionale aveva formalizzato contro la sentenza di primo grado n.1/2014 del 30 gennaio scorso, emessa dal Tribunale di Nocera Inferiore, con la quale era stata decretata la sua incandidabilità. Ora si attendono le decisioni della Cassazione.

Tiziana Zurro