Pagani. Pasquale Sorrentino lascia Fratelli d’Italia

Nel giorno dedicato agli innamorati viene sancito ufficialmente il divorzio tra Pasquale Sorrentino e Fratelli d’Italia. Ieri mattina, il consigliere comunale, l’unico eletto con 350 voti nella lista di FdI (gli altri esponenti del gruppo erano stati eletti in seno alle civiche a sostegno di D’Onofrio), è stato protagonista di un confronto serrato e franco con il coordinatore regionale del partito di Giorgia Meloni, Antonio Iannone. Un incontro convocato dall’ex presidente della Provincia, qualche giorno fa, in seguito alla pubblicazioni delle indiscrezioni circa un imminente fuoriuscita dal gruppo dell’ex assessore e di qualche altro esponente di spicco del partito. Finora, però, solo Sorrentino ha deciso di dichiararsi indipendente.

Ieri mattina, durante il colloquio con Iannone, il consigliere comunale ha confermato le voci, annunciando la sua decisione. Sorrentino, almeno per il momento, non dovrebbe indossare altre casacche. L’ormai ex esponente di FdI, però, potrebbe in futuro aderire ad un partito di area moderata e, secondo i rumors, potrebbe avvicinarsi a Forza Italia. Ipotesi che lascerebbe prefigurare un possibile passaggio tra le fila della maggioranza del sindaco Bottone, del consigliere attualmente esponente della minoranza. Finora, Pasquale Sorrentino ha sostenuto molti dei provvedimenti sottoposti al vaglio dell’assise dall’amministrazione comunale, votando a favore della nascita della nuova società, della variante urbanistica per la reindustrializzazione dell’area ex Fatme e della realizzazione di nuovi alloggi Iacp, in via Mangioni.

Sul fronte Fratelli d’Italia potrebbero registrarsi, a breve, altre importanti novità. La prossima settimana, potrebbe rassegnare le sue dimissioni il capogruppo, Massimo D’Onofrio, coinvolto nell’operazione “Criniera”. L’ex vicesindaco ed ex assessore provinciale cederà il posto all’ex assessore Gino Mongibello. Starebbe, invece, ancora riflettendo sulle mosse da compiere Enza Fezza, che per motivi personali, potrebbe lasciare l’emiciclo, favorendo l’ingresso in aula di Attilio Tortora. L’indiscrezione delle possibili dimissioni di Enza Fezza è stata a più riprese seccamente smentita da Massimo D’Onofrio, ma non dalla diretta interessata che, per il momento, non ha né confermato né smentito.