Scafati. Stabiliti i compensi degli amministratori per il 2015

Anno nuovo, stipendio vecchio. Per il terzo anno consecutivo gli amministratori di Palazzo Mayer hanno determinato di percepire la stessa indennità, stesso gettone per i consiglieri comunali.

Con determina 74 del 6 marzo, l’ufficio Servizi al Cittadino guidato dalla dirigente dottoressa Laura Aiello ha stabilito i compensi che a diverso titolo percepiranno gli amministratori scafatesi. Si è deciso di confermare gli importi del 2014, a loro volta già uguali a quelli del 2013.

Nello specifico, il primo cittadino Pasquale Aliberti quest’anno percepirà 3.904,41 euro lordi mensili, stesso importo annuale sarà accantonato per l’indennità di funzione che percepirà a fine mandato e solo se questi supererà il terzo anno.

Il presidente del consiglio Pasquale Coppola porterà a casa uno stipendio mensile di euro 2.342,63 lordi, alla pari della Giunta, composta da Filippo Accardi, Diego Chirico, Antonio Fogliame, Antonio Pignataro, Raffaele Sicignano.

Percepirà di meno Annalisa Pisacane, in quanto diversamente dagli altri assessori la sua indennità è decurtata del 50% in quanto dipendente non in aspettativa, cioè che non ha lasciato il lavoro; per lei 1.171,31 euro.

L’assessore Giancarlo Fele ha un compenso di 2.928,31 euro lordi, in quanto ricopre anche la carica di vice sindaco.

Confermati anche i 34,15 euro come gettone di presenza per i consiglieri comunali, che percepiranno sia per le sedute di consiglio comunale che per le commissioni cui fanno parte. I consiglieri possono stare anche in più commissioni.

Il totale impegnato sul bilancio per l’anno in corso è di 333mila euro.

Secondo una dichiarazione del primo cittadino Pasquale Aliberti rilasciata qualche settimana fa, gli amministratori percepiscono con notevole ritardo le proprie indennità, dieci mesi per la precisione, è il tempo intercorso fino ad oggi dall’ultimo bonifico effettuato dall’ufficio Economico finanziario del dottore Giacomo Cacchione.

Adriano Falanga