Angri. Mauri punta il dito contro Cirielli e Squillante

Mauri punta il dito contro Squillante e Cirielli. Lo fa a margine della conferenza stampa di fine mandato durante la quale il sindaco ha tracciato un bilancio di tutte le attività svolte in questo quinquennio. Attività illustrate nell’opuscolo “5 anni di governo – Amministrazione Mauri”, che sarà consegnato a tutti i cittadini.

Tra le opere non realizzate figurano il Cavalcavia di via delle Fontane e il completamento di Via Cupa Mastrogennaro, mancanze che, secondo Mauri, sarebbero da attribuire, però, al duo “Cirielli -Squillante”.

Secondo il primo cittadino la mancata realizzazione del cavalcavia sarebbe legata a “una manchevolezza dell’allora presidente della Provincia, l’onorevole Edmondo Cirielli e di Antonio Squillante, che avevano sottoscritto un protocollo d’intesa per il valore di un milione di euro per l’abbattimento e la ricostruzione del Ponte di Via delle Fontane e che sono venuti meno a questo impegno”.

Ancora più sferzante e grave l’accusa sul mancato completamento della “provinciale” dell’area pedemontana: “Altro rammarico à la mancata realizzazione del completamento della strada in Via Cupa Mastrogennaro – ha dichiarato Mauri -. Hanno distratto i fondi, Edmondo Cirielli e Antonio Squillante ne dovranno rendere conto”. Mauri promette che ne farà il cavallo di battaglia della sua campagna elettorale, chiedendo risposte a Squillante e Cirielli in merito.

“Sin dal mio insediamento mi sono impegnato a portare la tranquillità nella città di Angri – ha precisato –. Grazie agli assessori e ai consiglieri comunali che mi hanno affiancato e che hanno sposato il mio progetto, Angri per la prima volta ha avuto un governo stabile che oggi è arrivato a fine mandato, tutto ciò mi permette quindi di ripropormi alla guida del governo cittadino, come sindaco uscente. Nel fare un resoconto di fine mandato devo sottolineare come la mia Amministrazione Comunale ha dovuto riequilibrare le finanze dell’Ente Comune riconoscendo debiti fuori bilancio, contratti dalle amministrazioni precedenti”.

Mauri durante la conferenza stampa ha, inoltre, invitato tutti i suoi candidati a mantenere un profilo “comunicativamente” alto soprattutto sui social, affermando che qualsiasi scorrettezza può significare l’esclusione dalla sua alleanza. Un segnale importante per la distensione. Mauri non ha mancato di passare in rassegna sfogliando le pagine del suo opuscolo tutte le azioni compiute durante la sua amministrazione.

Luciano Verdoliva