Angri. Riqualificazione area ex MCM, Mauri difende il progetto

Il sindaco di Angri, Pasquale Mauri, dice la sua sul progetto di riqualificazione dell’ex area Mcm approvano nel corso dell’ultimo consiglio comunale di questa legislatura. Le polemiche non mancano. Il progetto è stato l’unico ad essere approvato sui nove che erano stati presentati al Comune di Angri. Progetti presentanti tenendo conto anche delle indicazioni del piano casa e alla luce della legge 19 del 2009. Mauri ha affermato che quello presentato per l’ex area Mcm, anche in virtù della amministrativista interpellato, era l’unico intervento effettivamente approvabile.

Lo stesso sindaco uscente ha annunciato i termini di quella che potrebbe considerarsi un’opera faraonica che dovrebbe vedere luce al centro della città. Un vero e proprio quartiere dotato di una nuova piazza, un polmone verde e un centro servizi. Proprio tra Corso Vittorio Emanuele, Via Nuova Cotoniere e Via Risi sorgeranno anche 147 nuovi alloggi.

Il privato che realizzerà le costruzioni sarà tenuto a cedere al comune di Angri una quota pari a poco più del sei per cento, ovvero circa sette abitazioni.

“Io sono abituato a parlare con le persone, come ho fatto in campagna elettorale nel 2010, affermando che avrei contribuito in modo decisivo a riqualificare l’area – ha dichiarato Mauri -. La maggior parte degli altri progetti sono stati fatti dai palazzinari e rispetto a questo quindi che abbiamo voluto dire “no” alla speculazione edilizia e “sì”, invece, alla riqualificazione del territorio.”

Sulle polemiche e sui tempi dia approvazione Mauri è chiaro: “lo dicessero pubblicamente perché noi siamo in grado di rispondere altrettanto. Siamo stati capaci di approvare in consiglio comunale il progetto.”

Luciano Verdoliva