Scafati. Contestazione a 5 Stelle per Caldoro. Scafati Arancione all’attacco sull’ospedale

Secchi, striscioni e slogan: gli attivisti del Movimento 5 Stelle stamattina a Scafati hanno contestato il presidente Caldoro. Il governatore è giunto in città per inaugurare il cantiere per la realizzazione del primo stralcio della rete fognaria.

In prima linea anche gli esponenti di Scafati Arancione che hanno esposto uno striscione per richiamare l’attenzione sulla questione ospedale.

“Siamo seriamente preoccupati dalle parole utiilizzate dal presidente Caldoro in merito alla nostra richiesta di veder riaprire i battenti al pronto soccorso “M.Scarlato”.
Lo scaricabarile complice del presidente uscente è un atto di debolezza, il quale dimostra tutta la sua volontà e conferma la sua strategia che vede come atto concreto la privazione dell’emergenza ad una comunità come Scafati – dichiarano Francesco Carotenuto e Amedeo Vitagliano –
Restiamo altresì inorriditi dall’arroganza con la quale lo stesso presidente faceva spallucce dichiariando la sua chiara volontà di inaugurare la rete fognaria in campagna elettorale, a dimostrazione della paura che serpeggia nel presidente uscente e che lo spinge ad atti di totale sciacallaggio. Per questo motivo, noi di Scafati Arancione abbiamo deciso, in maniera civile e pacifica di mostrargli uno striscione di esortazione a ridarci l’emergenza e smetterla di speculare sui drammi che colpiscono la nostra comunità, come gli allagamenti, vicenda sulla quale non ricordiamo parole di solidarietà o atti concreti al fine di risolvere il problema nell’interesse della nostra città”.