Paura su un autobus Cstp. Donna rapinata e malmenata, un arresto

Nel tardo pomeriggio di ieri, i poliziotti della Sezione Volanti della Questura di Salerno sono intervenuti sull’autobus di linea CSTP, in via Roma a Salerno, a seguito della segnalazione di una tentata rapina in danno di una passeggera, commessa da un cittadino extracomunitario, di 35anni, in concorso con una coppia non identificata.

Secondo la ricostruzione delle forze dell’ordine: intorno alle ore 18.20, una coppia di stranieri, rimasta sconosciuta, utilizzando come espediente l’esternazione di effusioni, avrebbe spintonato una giovane passeggera e, distraendola, avrebbe favorito l’azione del terzo complice, che aveva portato via il portafogli dalla borsa della vittima.

La malcapitata accortasi dell’accaduta aveva così iniziato ad urlare per richiamare l’attenzione degli altri passeggeri. Nel frattempo, approfittando di una fermata, la coppia si era data alla fuga mentre la vittima era riuscita ad afferrare il responsabile e a recuperare la refurtiva.

Violenta la reazione dell’uomo che avrebbe colpito la donna con ginocchiate e imprimendole una pressione con le mani intorno al collo, causandole lesioni poi giudicate guaribili in 5 giorni dai medici del pronto soccorso dell’Ospedale di Salerno.

Solo il provvidenziale intervento di una dipendente della Polizia Penitenziaria, libera dal servizio, che si trovava a bordo dell’autobus, ha costretto il malfattore a mollare la presa sulla vittima.

La poliziotta, che si era qualificata quale appartenente alle forze dell’ordine, aveva tentato di bloccare lo straniero, per identificarlo, ma quest’ultimo l’aveva strattonata e spintonata nel tentativo di divincolarsi per fuggire.

L’extracomunitario è stato poi bloccato dagli agenti di polizia.

Si tratta di un cittadino di nazionalità marocchina che è risultato destinatario di un provvedimento espulsivo emesso dal Questore di Salerno il 10 gennaio scorso.

Dalla dettagliata denuncia sporta dalla vittima della rapina è emersa l’incontrovertibile responsabilità dello straniero in ordine alla fattispecie delittuosa di tentata rapina aggravata.
Lo straniero, inoltre, è ritenuto responsabile anche di resistenza a Pubblico Ufficiale e inottemperanza al provvedimento di espulsione.
Il Pubblico Ministero di turno, preso atto degli accertamenti svolti dalla Polizia di Stato, ha disposto l’immediato trasferimento in carcere dell’arrestato.