Truffa Inps. I nomi delle persone coinvolte

Truffa milionaria ai danni dell’Inps, nell’ambito della maxi inchiesta “Mastrollindo” coordinata dal sostituto procuratore Roberto Lenza, altre otto persone sono finite agli arresti domiciliari: Vincenzo Stile, 50 anni, funzionario Inps della sede di Nocera Inferiore; Anna Pepe, 29 anni, responsabile di un patronato di Pagani; il commercialista Francesco De Prisco, 36 anni, i consulenti del lavoro Saverio D’Antonio 54 anni e Domenico Pepe 57 anni; l’imprenditore Ferdinando Trapani 49anni; Nicolina D’Angelo 77 anni e Palmina Petrillo 61 anni.

Tutti sono ritenuti responsabili di “associazione per delinquere finalizzata a una pluralità di truffe aggravate ai danni dello Stato e per il conseguimento di erogazioni pubbliche”. Il funzionario Inps dovrà rispondere anche di “corruzione”, “rivelazione di segreti d’ufficio” e “falsità materiale commessa dal PU in atti pubblici”.

Sono scattate anche misure intedettive di sospensione dall’esercizio del pubblico ufficio per dodici mesi nei confronti due funzionari Inps delle sedi di Nocera e Castellammare.