Campania. Trasporti. Legambiente: “Un autunno nero per i pendolari”

“Si prospetta un autunno nero per 271mila pendolari campani che ogni giorno prendono il treno per andare a lavorare o a studiare”. A parlare è Michele Buonono, presidente di Legambiente Campania.

“Insicurezza, inefficienze , servizi scadenti e con tagli complessivi del 19% al servizio dal 2010 ad oggi, con punte di -50% su alcune linee, mentre c’è stato un aumento delle tariffe del 23 % – va avanti -. E le conseguenze sono evidenti: complessivamente in tre anni sono stati persi oltre 196mila pendolari che vuole significare più auto in circolazione, piu’ traffico, piu’ smog nelle nostre città.”.

Dallo studio “Nuovi treni per città più vivibili” realizzato da Legambiente, con il contributo di Ansaldo Breda, emerge un quadro a tinte fosche.

L’ età media dei convogli in circolazione sulla rete regionale è di circa 20 anni.

“Lo studio – conclude Buonomo – è un contributo importante per ragionare del futuro della nostra regione perché indica una direzione precisa e percorribile di cambiamento. E’ una delle sfide che deve affrontare il nuovo governo regionale: al Governatore De Luca chiediamo un cambiamento di rotta e di velocità sul trasporto pubblico perchè la situazione dei pendolari è vergognosa, inaccettabile e insostenibile”.