Scafati. Quote rosa, Santocchio: “No alle mistificazioni”

“No a mistificazioni che confondono fase cautelare con la fase di merito”. Mario Santocchio tra i promotori del ricorso sulle quote rosa bacchetta Aliberti.

“Il Tar ha rigettato con ordinanza la sospensiva con una motivazione non condivisibile ed in aperto contrasto con l’indirizzo del Consiglio di Stato – spiega -.
Rammento che nel corso dell’udienza c’e’ stato un vero e proprio colpo di scena in quanto il Comune ha esibito un procedimento anomalo di istruttoria dal quale risultava che ben 30 donne, comprese le quattro consigliere comunali, avevano rinunciato alla nomina di assessore.
Detto questo si ribadisce che e’ stata rigettata semplicemente la sospensiva siamo fiduciosi nel merito vista la Sentenza del Consiglio di Stato del 5 ottobre 2015 che conferma la nostra tesi.
Sin d’ora annunciamo l’appello al rigetto della sospensiva.
Resta il fatto che Aliberti applica il principio della parita ‘ di genere solo per la sua famiglia mentre le altre donne scafatesi sono costrette a rivolgersi all’Autorita’ Giudiziaria.
Ribadisco di essere fiducioso sull’esito finale del giudizio di merito”, conclude l’esponente di FdI