Angri. Mancano i vigili? Il nonno si mette a regolare il traffico davanti alla scuola

Gli agenti della Polizia Locale tardano e lui si mette a regolare il traffico. Antonio D’Ambrosio è uno dei tanti nonni che la mattina accompagnano i nipoti a scuola e puntualmente manca o tarda il servizio della Polizia Locale davanti agli istituti scolastici.

Esasperato dal continuo disservizio, nella mattinata di ieri, d’Ambrosio, anche se per pochi minuti, ha regolato il traffico in attesa che arrivassero i caschi bianchi imbottigliati, a loro volta, nell’ingorgo cittadino, poiché il comando della Polizia Locale è decentrato nella periferica Viale Michelangelo, mentre gran parte delle scuole del territorio sono situate nel centro cittadino.

L’entrata degli studenti della scuola dell’infanzia e primaria “Fusco” è fissato alle ore 8,05, mentre i caschi bianchi arrivano sul posto tra le 08,12 e le 08,15 quando ormai il grande flusso di scolari ha già raggiunto l’interno del plesso, con gravi rischi per l’attraversamento pedonale della trafficata strada provinciale Via Adriana.

Fino a pochi mesi fa a regolare il traffico e il flusso degli scolari erano i cosiddetti “nonni vigili”, ma il servizio è stato “soppresso” dall’attuale amministrazione comunale. Sulla vicenda, e su quella della chiusura dei bagni pubblici della Villa Comunale, ha prodotto un’interrogazione a risposta scritta il gruppo consiliare comunale di opposizione.

Luciano Verdoliva