Pagani. Salario accessorio, assemblea sindacale

Lavoratori  e sindacati, ieri mattina, si sono riuniti in assemblea sindacale presso l’aula consiliare di via Tenente Marco Pittoni. Le sigle sindacali, Cgil, Cisl, Uil e Csa-Cisal,  tornano ad essere compatte e, prima di passare alla linea dura, tentano di riaprire il dialogo con  l’amministrazione del sindaco Salvatore Bottone per discutere di alcune questioni scottanti, rimaste in sospeso ormai da tempo: fondo  salario accessorio, carenze di organico e progressioni economiche.

L’assemblea era stata convocata a seguito della fine delle trattative con la delegazione trattante dell’ente paganese. Pomo della discordia l’istituzione del fondo salario accessorio 2014 e 2015 e il premio produttività.

Riflettori puntati anche sulle carenze di organico che si registrano a palazzo di città. Cgil, Cisl, Uil e Csa-Cisal hanno evidenziato, a più riprese negli ultimi  tempi,  che  il Comune di Pagani da anni avrebbe una pianta organica al 50% con un sovraccarico di lavoro per i dipendenti.

L’assemblea, che ha visto la partecipazione di un nutrito  gruppo di lavoratori, ha invitato la delegazione sindacale a riprendere la contrattazione decentrata. Entro febbraio sarà indetta una nuova assemblea per discutere dell’esito della delegazione trattante e decidere le mosse da compiere.