Angri. Entusiasmo per l’arrivo di Raitre. Occasione di riscatto per il paese?

I dieci minuti che hanno fatto impazzire la città. Grande entusiasmo intorno all’arrivo delle telecamere di Raitre. Forse il nome e la gittata, o semplicemente per uno sfogo propiziatorio, ma pare che gli angresi si sono sentiti fieri, all’unisono, della loro città e delle loro eccellenze, anche se ponderate.

Dieci minuti che hanno tentato di mettere in mostra il vero volto della città e degli angresi, un popolo potenzialmente orgoglioso e fiero del suo paese. Una comunità pronta a uscire da uno strano oscurantismo che la attanaglia da decenni. La vetrina televisiva di oggi potrebbe essere stata la prima grande occasione per un nuovo e possibile slancio.

In prima fila, intervistati dal giornalista Enrico Deuringer, il sindaco Ferraioli e gli amministratori tutti, in gran spolvero, ma anche tanta gente comune pronta a riappropriasi della propria identità culturale, folk e antropologica. Le polemiche questa volta sono state messe all’angolo dei social.

Luciano Verdoliva