Sarno a 5 Stelle bacchetta Canfora

Dopo la protesta inscenata al Comune da due disoccupati, in una intervista rilasciata ad Agro24, evidenziando i tanti sforzi compiuti dall’amministrazione, in primis il taglio alle indennità che ha consentito di accumulare 120 mila euro per finanziare i voucher lavoro, il sindaco di Sarno Canfora aveva pronunciato anche la frase“…altro che i 5 stelle…”, Una battuta che non è piaciuta agli attivisti sarnesi che hanno inviato una nota di replica alla nostra redazione.

“Gli attivisti di Sarno a 5 Stelle ci tengono a ricordare al Sindaco, in versione smemorato di Collegno, che già in data 05 dicembre 2014 plaudevano all’idea di tagliarsi le indennità e proponevamo alcune idee su come poter utilizzare i voucher e a chi poterli destinare. Siamo stati ignorati, sia al momento in cui abbiamo protocollato la proposta, sia successivamente quando si sono decise le modalità di distribuzione degli stessi” si legge nella nota.

E ancora: “Oltre ai voucher sono state protocollate anche altre proposte, tra cui il progetto Amendola Connect, il baratto amministrativo e una richiesta di diretta streaming dei consigli comunali. Anche per queste proposte siamo stati ignorati. La diretta streaming non c’è ancora, il progetto wifi comunale non è ancora partito, anzi ne è in partenza uno ma col doppio dei costi rispetto alla nostra proposta e con una copertura molto limitata del segnale e per il baratto amministrativo non siamo stati nemmeno ringraziati”.

Poi, l’affondo: “Sarno, però, continua ad essere una città triste e malata. Non si creano spazi di aggregazione giovanile e il centro non è ancora libero dai cantieri. Le strade (su tutte via Prolungamento Matteotti, che sembra una fogna!) e le periferie sono abbandonate a sé stesse, sporche e con profonde buche; oltretutto in alcuni punti della periferia persistono i problemi di discariche abusive di rifiuti che vengono incendiati dai soliti incivili e anche i problemi degli sversamenti a Foce (ma non solo!) non sono stati risolti definitivamente – va avanti la nota -. Inoltre ci chiediamo che fine abbiano fatto i rilevatori di polveri sottili promessi da Canfora. Dove sono stati collocati? Si sono trasformati in una bicicletta? Forse Canfora la vorrà usare al posto dell’auto blu. Nel frattempo i sarnesi continuano a morire di tumore. In merito, il dott. Canfora, può darci qualche spiegazione?
Il Sindaco sa bene che il suo mandato è forse peggiore di quello del suo predecessore e pensa bene di attaccare il movimento 5 stelle”.

Gli attivisti del 5 Stelle criticano anche l’operato di Canfora presidente della Provincia. “Se De Luca sostiene che gli inceneritori siano un bene, Canfora pensa lo stesso (11 novembre 2014). Se De Luca cambia idea, Canfora fa lo stesso”.