Angri. La Pasquetta trasforma il Chianiello in una pattumiera

Una scena che si ripete ogni anno. Inciviltà, mancanza di rispetto per l’ambiente ma, soprattutto, tanto menefreghismo. Anche quest’anno si è ripetuto il solito scempio della pasquetta sui prati verdi del “Chianiello” di Angri, l’area amorevolmente curata dagli “amici della montagna” diventata una vera e propria pattumiera all’aperto, invasa da orde di giovanissimi “scostumati”, ma pure tante persone in età matura che non hanno lesinato un’indole scostumata lasciando, dopo avere consumato il picnic della pasquetta, ogni genere di rifiuto tra i tavoli e il verde dell’oasi della splendida macchia mediterranea.

Scenari naturali suggestivi ma poco apprezzati da chi non ha amore per questi luoghi. Tanta l’indignazione, soprattutto social, di chi vive tutto l’anno queste montagne. Per evitare lo scempio, purtroppo, non ci sono deterrenti se non quelli della buona educazione, sempre assente quando si tratta di tutelare o preservare la cosa pubblica.

Foto da Facebook di Pax Raizo Vargas