Nei guai sei tifosi della Cavese

Nell’ambito delle attività di contrasto alla violenza in occasione di manifestazioni sportive, il personale della Polizia di Stato del Commissariato di Cava de’ Tirreni ha indagato, in stato di libertà, sei tifosi della“Cavese”.
Le denunce sono conseguenza delle indagini, svolte dai poliziotti anche con l’ausilio di immagini video, sugli incidenti avvenuti nel corso di due incontri di calcio disputatisi allo stadio “Simonetta Lamberti”.
Tre tifosi, identificati per M. A.di 35 anni, P. A. di 18 anni e C. P., di 29 anni, sono ritenuti responsabili del reato di lancio pericoloso di oggetti e fumogeni in campo nel corso dell’incontro di calcio “Cavese – Siracusa” del 24 aprile 2016.

Altri tre tifosi, invece, identificati per G. M. di 21 anni, A. S. di 39 anni e M. D. di 25 anni, sono ritenuti responsabili, i primi due del reato di scavalcamento della recinzione e invasione del rettangolo di gioco, il terzo di lancio di un fumogeno in campo in occasione dell’incontro di calcio “Cavese – Frattese” disputatosi in data 8 maggio 2016.

Nei confronti dei sei tifosi deferiti all’Autorità Giudiziaria saranno emessi i conseguenti provvedimenti Daspo.