La Direzione didattica Scafati I adotta un’aiuola della Villa Comunale

La Giunta comunale ha autorizzato la Direzione didattica statale Scafati I ad utilizzare un’aiuola della Villa Comunale per effettuarvi le attività previste dal progetto “Apprendimento Cooperativo per l’inclusione”.

“Il progetto sottoposto all’attenzione dell’amministrazione ha una grande valore socio-educativo. E’ indirizzato agli studenti disabili e non che saranno impegnati nella realizzazione di una sorta di <> con materiali di risulta e destinati ad accogliere piccole piantine. Le stesse saranno prese in cura dalla scuola fino alla conclusione dell’anno scolastico e nei mesi estivi, fino alla ripresa delle attività scolastiche, dalle famiglie dei ragazzi. Una bella idea coordinata dalla Prof.ssa Eleonora Di Martino con il supporto della Dott.ssa Francesca Porrari (Fondazione Sinapsi) per imparare a prendersi cura del proprio territorio”, dichiara il consigliere comunale con delega alle Politiche Sociali, Teresa Formisano.

L’8 giugno, dalle 10.30 presso la villa comunale di Scafati, si svolgerà la cerimonia di affidamento dei Guardiani alla comunità locale.

Il progetto, scaturito da un protocollo di intesa tra la Fondazione Sinapsi, l’Università del Salento e l’Associazione di Ricerca Italiana sull’Apprendimento Cooperativo, ha coinvolto il I Circolo di Scafati con l’obiettivo dell’inclusione di bambini con disabilità visiva e plurima in contesti scolastici ma non solo: «Affidare per il periodo estivo la cura dei guardiani alle comunità locali significa ricordare loro dell’impegno quotidiano nei confronti dell’ambiente: curare la piantina-guardiano è una metafora della cura della relazione. Inoltre conoscere il proprio territorio significa imparare ad amarlo e rispettarlo. Riconsegnare la piantina a settembre vuol dire coinvolgere i diversi soggetti del contesto sociale dei bambini in un arco temporale più ampio», dichiara Francesca Porrari, assistente sociale della Fondazione Sinapsi responsabile del progetto insieme a Giuseppe Zippa, educatore della Fondazione Sinapsi.

«Ci preme ricordare», confida Zippa, «che abbiamo realizzato i Guardiani insieme all’Associazione La Luna al Guinzaglio, impegnata da anni in progetti di orto-didattica e di inclusione sociale».