Pagani. Sterminata un colonia felina

“E’ sconcertante, siamo amareggiati”. Non nasconde il suo sdegno Francesca Tommasetti, presidente dell’Associazionne Zoofila Paganese, che gestisce anche il canile di Pagani, nel denunciare l’avvelenamento di un’intera colonia felina.

Stamani un gatto è stato trovato morto e altri quattro sono stati trasportati in clinica in gravi condizioni e uno è morto.
Inizialmente la colonia era formata da circa 50 gatti, solo sette darebbero sopravvissuti.

L’inquietante episodio, segnalato anche via facebook da alcuni volontari del canile, ha suscitato sconcerto in città. Quasi tutti i gatti della colonia, che risultava riconosciuta dall’Asl sono stati ritrovati morti.

“E’ stata una carneficina. Quanto accaduto è inacettabile – afferma Francesca Tommasetti -. Non è possibile che in una città che si dice sensibile ai diritti degli animali si consiumino atti del genere. I gatti erano quasi tutti sterilizzati e c’era chi amorevolmente si prendeva cura di loro. Purtroppo, hanno avuto un morte atroce. Mi preme ricordare che i gatti sono grandi predatori e sono fondamentali nella catena evolutiva: la loro assenza ci esporrebbe a gravi rischi come la leptospirosi che è veicolata dall’ urina dei ratti”.

Sul posto sono intervenuti i carabinieri e gli addetti dell’Asl. L’autopsia e i rilievi sui resti di cibo che sono stati portati via riveleranno le cause della morte dei gatti.

“Dopo la nostra segnalazione altre persone hanno denunciato l’avvelenamento di gatti – ha concluso Francesca Tommasetti -. Vorrei ricordare che quando si verificano episodi simili bisogna allertare la forza pubblica che a sua volta contatta l’Asl per l’autopsia”.

Foto da Facebook