Una task force per bloccare gli sversamenti illegali

Coordinamento tra le polizie locali, intesa con la Sma Campania per potenziare il monitoraggio del territorio e utilizzo dell’App della Sma per segnalazione roghi tossici e incendi, manifestazioni pubbliche per sensibilizzare la cittadinanza sui temi ambientali.

E’ questa l’intesa raggiunta nell’incontro del 23 Giugno scorso sulla questione dello sversamento indiscriminato di rifiuti di ogni in particolar modo nelle strade di confine delle tre municipalità. Al tavolo di coordinamento i sindaci di Boscoreale, Giuseppe Balzano, di Terzigno, Francesco Ranieri e di Boscotrecase, Pietro Carotenuto, con la Sma Campania – Buon Ambiente, la società in house della Regione Campania, rappresentata da Domenico Clemente.

All’incontro, dopo quello tenuto la settimana scorsa tra i rappresentanti dei comuni interessati, hanno partecipato anche Luca Giordano, assessore all’Ambiente di Boscoreale, Aniello Esposito, il comandante della Polizia locale e Salvatore Carillo, consigliere comunale di Terzigno.

L’iniziativa, promossa da Giordano nasce dalla consapevolezza che numerose strade di confine dei tre comuni del Parco Vesuvio, sono troppo spesso utilizzate come discariche a cielo aperto, con sversamento abusivo, in particolare di secco indifferenziato, ritagli di stoffe di sartoria provenienti da fabbriche dell’area, ingombranti di ogni natura e in taluni casi anche rifiuti speciali.

Soddisfazione per il buon esito dell’incontro è stata manifestata dai tre primi cittadini. Per Francesco Ranieri, sindaco di Terzigno “Continua il nostro impegno per tutelare i nostri territori poiché siamo convinti che uniti si possa finalmente risolvere una problematica che dura da anni”. Gli fa eco il neo eletto sindaco di Boscotrecase, Pietro Carotenuto che ha dichiarato a margine dell’incontro “Siamo già al secondo appuntamento ed è sintomatico che il tema sta avendo la giusta dimensione e rilevanza.

In questo è fondamentale che i sindaci siano in prima linea in questa battaglia di civiltà. Bisogna sensibilizzare la cittadinanza, informare e formare le nuove generazioni e intanto agire tempestivamente con controlli serrati, bonifiche dei territori e pene severe per chi trasgredisce”.

Il sindaco di Boscoreale, Giuseppe Balzano, a sua volta ha commentato “Abbiamo intrapreso un nuovo percorso di collaborazione con Boscotrecase e Terzigno per debellare definitivamente questo gravissimo fenomeno. Saremo tutti insieme impegnati anche a ricercare ogni utile risorsa e forma di collaborazione con le altre istituzioni interessate per tutelare i nostri territori e i nostri concittadini”.