Discariche abusive e autorimessa non autorizzata alle falde del Vesuvio

Cimitero di auto e veleni alle falde del Vesuvio. I carabinieri della compagnia di Torre Annunziata, nel corso di servizi specifici organizzati per evitare sversamenti illeciti nel vesuviano supportati anche da un elicottero, hanno denunciato un 56enne, titolare di una officina, che sarebbe responsabile di inquinamento ambientale e di gestione di rifiuti speciali pericolosi smaltiti senza alcuna autorizzazione. Nel corso dell’operazione sono stati rinvenuti veicoli fuori uso, centinaia di gomme usurate senza nessun rispetto della normativa per la tutela della ambiente ma anche parti di carrozzeria e olii esausti.

Sempre a Terzigno i militari dell’arma hanno rinvenuto sacchi contenenti scarti di lavorazioni tessili. Nelle maglie dei controlli sono finiti due giardinieri di 84 e 28 anni che gestivano nella loro proprietà rifiuti speciali non pericolosi: 112 grossi sacchi contenenti circa 4.000 chilogrammi di scarti di lavorazione tessile provenienti da attività sartoriali della zona e in attesa di essere smaltiti illegalmente.

A Ottaviano, il gestore 38enne di un opificio del luogo, è stato denunciato per l’omessa tenuta del registro di carico e scarico dei rifiuti tessili.