Scuola Manzoni. La replica del movimento 5Stelle a Toscano

Il “Gruppo iscritti certificati 5Stelle di Pagani” replica a Emilio Toscano.

Di seguito la nota:

“In risposta alle farneticanti accuse del signorino Emilio Toscano, presidente dell’associazione politica filo-PD, “PROGETTO COMUNE”, nonché ex segretario cittadino dello stesso partito, che in merito alla vicenda del plesso scolastico “MANZONI” invoca addirittura la responsabilità del Vicepresidente della camera Luigi Di Maio scriviamo unicamente per precisargli ruoli e competenze delle persone oggetto della sua filippica giacché sul piano squisitamente politico neanche varrebbe la pena di replicargli.
L’iperbole retorica che utilizza per l’accusa è la seguente: “dal momento” che la prof. ESPOSITO è stata la preside dello scorso anno scolastico e “dal momento” che non ha chiesto controlli strutturali per la suddetta scuola e “dal momento” che la signora è la madre di DI MAIO, ergo la responsabilità del fatto passa, come un’eredità a quest’ultimo (SIC).
A parte che tale ragionamento sul piano giuridico fa rivoltare nella tomba il grande Cesare Beccaria in quanto, come tutti sanno, la responsabilità penale è personale, ci teniamo a ricordare al giovanotto di belle speranze che tale onere spetta all’ente proprietario che, nel caso delle scuole primarie, è il comune.
Per la nostra esperienza ci permettiamo anche di aggiungere che il 60-70% delle scuole italiane non è in possesso dei requisiti di sicurezza antisismica e, nonostante le rimostranze dei presidi, quasi ogni anno si verifica il penoso e tacito accordo tra Provveditorato agli studi ed ente proprietario a chiudere un occhio sulla questione.
Piuttosto il signorino TOSCANO si chieda come mai dei soldi stanziati negli ultimi anni per l’adeguamento antisismico delle scuole è stata spesa, per problemi burocratici e conflitti di competenza, solo una minima parte. Problemi per nulla risolti anche dal suo premier Renzi, il gran rottamatore che finora però è riuscito a rottamare solo la salute, il reddito e la speranza degli italiani ed ancora vuol tentare di rottamare la nostra Costituzione nata dalla Resistenza, pia illusione perché il 4 dicembre non glielo consentiremo”