Scafati. Cucurachi in procura: “Sono stato minacciato”

Sale la tensione a Scafati. Il Consigliere comunale del Pd, Marco Cucurachi, minacciato telefonicamente.

“Alle 11.35 – racconta il Dem – ho ricevuto una telefonata minatoria con riferimenti ad eventi che si sarebbero potuti verificare al consiglio comunale di stasera e che riguardano questioni personali e familiari”.

Il Consigliere comunale si è subito recato in procura per denunciare l’accaduto. “Pur temendo per l’incolumità mia e della mia famiglia, non mi fermo e vado avanti – dichiara Cucurachi -. Sarò presente stasera in Consiglio a far valere le ragioni di una opposizione seria e costruttiva. Non mi fermerà certo una telefonata di minacce.
Questo è il clima a Scafati: una persona perbene, professionista, padre di famiglia e fiero marito, con la passione per la politica, costretto a ricorrere all’Autorità Giudiziaria per tutelare i principi fondamentali del vivere civile”.

Immediata la presa di posizione del segretario cittadino del Pd, Margherita Rinaldi. “Grave che un nostro consigliere riceva minacce poche ore prima di un Consiglio Comunale – afferma -. L’avv. Cucurachi e tutto il Partito Democratico non si lasceranno certo intimidire da chi prova a metterci il bavaglio. Noi continueremo a denunciare e a sollevare, come da tempo stiamo facendo, un problema di democrazia e libertà in città e di agibilità democratica di questo Consiglio Comunale. Ancor di piu’ continueremo a farlo, da soli o insieme a chi vorrà essere con noi ma la nostra ribellione a questi metodi e la nostra opposizione sarà sempre durissima. Oramai a Scafati e’ emergenza democratica”.