Un giovane di Nocera Inferiore fra gli artefici della vittoria del Milan in Supercoppa a Doha

Nella vittoria del Milan sulla Juve nella sfida per la Supercoppa italiana c’è anche lo zampino di un giovane nocerino. Sono in pochi a saperlo, perché Rocco Maiorino, direttore sportivo del Milan di Berlusconi e Galliani, è un tipo schivo e riservato, e di lui non si sa molto. Ma dopo la vittoria di Doha è balzato all’attenzione dei media in quanto artefice della scoperta dell’attaccante spagnolo Suso, protagonista della sfida in terra araba.

Figlio di un funzionario dell’Asl Salerno e di un’insegnate, Rocco Maiorino è nato a vissuto a Nocera Inferiore, dove è rimasto fino alla maturità liceale. Subito dopo si è trasferito in Gran Bretagna, per studiare alla Nottingham Trent University. Dopo un anno alla Reebok, il giovane manager di Nocera Inferiore nel 2004 approda al Milan, dove diventa uno dei più stretti collaboratori di Galliani, fino a ricoprire l’incarico di responsabile dello scouting rossonero. Ma Maiorino continua a studiare, acquisendo il diploma di Direttore Sportivo alla scuola federale di Coverciano. Nel 2014 arriva l’incarico di direttore sportivo, culminato con la vittoria di Doha. Anni di lavoro dietro le quinte, nei quali si è fatto apprezzare per serietà e competenza, e per la scoperta di alcuni dei giovani talenti che oggi formano l’ossatura della quadra rossonera. Primo fra tutti Jesús Joaquín Fernández Sáez de la Torre, meglio noto come Suso, uno dei protagonisti della recente vittoria in supercoppa, che ha fatto finire sotto i riflettori il suo scopritore.

Appassionato ed esperto di calcio, il giovane dirigente rossonero aveva seguito il talentuoso attaccante spagnolo nella finale dell’Europeo Under 19, vinta dalla Spagna di Suso contro la Grecia, e nel corso dei Mondiali Under 20 in Turchia, sempre con la Spagna.

Rocco Maiorino non ha mai voluto rilasciare interviste, rispettoso della società e della rilevanza mediatica di Adriano Galliani. Ora, con l’arrivo della cordata cinese, il suo lavoro al Milan sembra essere finito, ma c’è da scommettere sul suo futuro. Maiorino, infatti, sarebbe nel già mirino di molte società della massima serie, desiderose di accaparrarselo per le sue qualità umane e professionali, e per la grande competenza.