Separazione delle carriere tra giudice e pubblico ministero, parte la raccolta firme

Una raccolta di firme per rilanciare la necessità di una netta separazione delle carriere tra giudice e pubblico ministero. Parte da Salerno la campagna nazionale dell’Unione camere penali per rivendicare la separazione delle carriere nell’ordinamento giudiziario italiano, affinché il magistrato che giudica sia diverso da chi accusa e da chi difende.

I penalisti hanno deciso di dare vita a una raccolta firme per chiedere che il Governo intervenga sulla questione e hanno scelto la città di Salerno per presentare, a livello nazionale, una proposta di legge costituzionale di iniziativa popolare per la separazione delle carriere dei magistrati, per sottoporre al parlamento il progetto di revisione costituzionale che garantisca la terzietà del giudice.

La presentazione della campagna di raccolta firme per la separazione delle carriere si terrà sabato 18 marzo alle ore 11.00 nel corso di un incontro al Teatro Verdi di Salerno.

Abbiamo l’onore, come città’ di Salerno – ha dichiarato il Presidente della Camera Penale Salernitana Avv. Michele Sarno – di lanciare questo tema nazionale per la predisposizione di un adeguato testo normativo.

Saranno presenti i vertici dell’avvocatura nazionale, delle istituzioni e dei mezzi di informazione. Interverranno:

Dott. Alessandro Barbano – Direttore Il Mattino
Dott. Gian Marco Chiocci – Direttore Il Tempo
Avv. Prof. Oreste Dominioni – Università degli studi di Milano
Avv. Prof. Vincenzo Maiello – Università Federico II di Napoli
Avv. Beniamino Migliucci – Presidente Unione Camere Penali Italiane
Avv. Michele Sarno – Presidente Camera Penale di Salerno