Rapina choc nel salernitano

Quattro malviventi incappucciati hanno fatto irruzione nell’abitazione di un cittadino di nazionalità indiana, portandogli via denaro contante, tutti i gioielli della moglie, due telefoni cellulari, una tv e l’auto, per un bottino complessivo di circa 15mila euro. E’ accaduto a Capaccio Paestum la notte scorsa.

La rapina, con l’aggravante del sequestro di persona, si è verificata intorno alle 4:00 all’interno di un’azienda agricola in località Rettifilo dove l’indiano, un operaio di 30 anni risiede in un alloggio con tutta con la moglie e due figli. Il più piccolo, di appena tre mesi, è stato prelevato dalla culla da uno dei banditi che, armato di coltello, ha minacciato più volte di ucciderlo per farsi consegnare soldi e monili in oro dal padre, schiaffeggiato e minacciato, a sua volta, da un altro complice armato di una pistola a tamburo.

Una volta afferrato il bottino e scaraventato il neonato a terra, i quattro componenti della banda hanno pestato a sangue con pugni e calci l’indiano, facendosi dare anche le chiavi della sua vettura, a bordo della quale si sono poi dileguati dandosi alla fuga, senza lasciare tracce. I carabinieri hanno acquisito le immagini di alcune telecamere di videosorveglianza. Si tratterebbe di due magrebini e di due uomini dell’Est Europa. Il portafogli svuotato del malcapitato è stato poi ritrovato, dai militari dell’Arma, in una strada lungo Via Feudo.

A darne notizia Radio Alfa