Scafatese – Real Poggiomarino 3-2

Partita per cuori forti al “Comunale 28 Settembre 1943” di Scafati, con gli uomini di Gigi Incitti che, in rimonta, riescono a portarsi a casa i tre punti battendo il Real Poggiomarino ricco di ex canarini.

Le prime due occasioni del match sono di marca gialloblu entrambe firmate da Bartolo Guadagno, col capocannoniere che sfiora due volte lo specchio della porta al 9’ con un tocco di esterno destro e al 19’ su calcio di punizione. A passare in vantaggio, però, sono gli ospiti con un tap-in dell’ex Pasquale Balzano che segna e non esulta.
La Scafatese reagisce subito due minuti dopo con un’ottima azione ben orchestrata che porta Cozzolino al cross e con Dell’Arciprete che, di testa, manca di poco il bersaglio.

Nella ripresa la Scafatese alza ulteriormente il ritmo nel tentativo di pareggiare: l’occasione più ghiotta capita proprio al primo minuto del secondo tempo con Fioriucci che, di destro, colpisce a botta sicura, ma il tiro sbatte prima su un calciatore avversario e poi sul palo senza oltrepassare la linea. Il gol è nell’aria e a realizzarlo ci pensa Cozzolino Salvatore al 55’ con un tocco magistrale di destro a giro sul secondo palo che beffa Marchesano. Passano dieci minuti e scocca puntuale l’ora di Bartolo Guadagno: il numero 9 provoca il panico nell’area avversaria, viene atterrato e si procura il rigore; dal dischetto di destro realizza la rete numero 23 della stagione, tenendo conto anche del centro contro la Sanseverinese. Due minuti più tardi Guadagno viene nuovamente atterrato in area, ma stavolta il direttore di gara Cirillo di Torre Annunziata non se la sente di fischiare il secondo penalty nel giro di pochi secondi. Dal possibile 3-1 che avrebbe chiuso la partita si arriva, invece, al pareggio ospite, firmato nuovamente da Balzano con una punizione deviata in rete al 75.
I canarini non ci stanno e premono sull’acceleratore: soltanto qualche secondo dopo il pareggio arriva il secondo palo di giornata, sempre colpito da Fiorucci. Al 78’, invece, il numero 5 Salvatore beffa il suo portiere Marchesano toccando sensibilmente la punizione diretta verso la porta di Claudio Amendola che vale il 3-2 con cui si concluderà il match.

Una menzione particolare per la una storica di Bartolo Guadagno che, andando nuovamente a segno, eguaglia nella classifica marcatori all-time della Scafatese, a quota 34, Salvatore Vitolo, Andrea Scala, Ernesto Andro e anche Angelo Teta, oggi ex di turno.