Ricettazione e resistenza a pubblico ufficiale, nei guai due giovani di Nocera

Nella serata di ieri, personale della Polizia di Stato appartenente al Commissariato di Pubblica Sicurezza di Nocera Inferiore ha tratto in arresto, procedendo anche al fermo d’indiziato di delitto, A.I., 36 anni e A.A. di 20 anni, entrambi residenti a Nocera Inferiore, resisi responsabili del reato di resistenza e violenza a Pubblico Ufficiale, nonché di ricettazione di due motocicli.

I poliziotti nocerini sono intervenuti, ieri sera, nel corso di controlli volti a debellare il fenomeno dei furti e delle rapine, in via Atzori a Nocera Inferiore, avendo notato due persone sospette che a bordo di un ciclomotore si erano allontanati furtivamente da un altro scooter ed alla vista degli agenti si erano dati alla fuga.

Gli agenti hanno intimato l’alt, ma i due hanno imboccato una strada contromano e, nonostante l’uso dei segnali acustici e luminosi per indurli a desistere, hanno continuato la loro fuga creando grave pericolo ai passanti.
Uno dei due però è stato riconosciuto dagli agenti che si sono irecati presso il suo domicilio dove hanno individuato e bloccato i due ragazzi che, alla vista degli agenti hanno tentato nuovamente di fuggire sono stati raggiunti e bloccati.

Nei pressi dell’abitazione è stato trovato il motociclo usato per la fuga che è risultato provento di furto commesso a Pagani l’8 aprile.

Altro personale nel contempo ha recuperato l’altro motociclo, anch’esso rubato poco prima in Cava dei Tirreni.
I due giovani, con numerosi precedenti di polizia, sono stati sottoposti a provvedimento di arresto per Violenza e Resistenza a PP.UU. nonché a fermo d’indiziato di delitto per ricettazione.