Cava. Censimento passi carrai, pubblicità e tassa di soggiorno: incassati 125 mila euro

Dal censimento dei passi carrai, impianti pubblicitari e tassa di soggiorno, avviato dall’Amministrazione Servalli sono stati incassati finora 125 mila euro di imposte pregresse non versate e effettuati accertamenti per ulteriori 370 mila euro circa.
Questo è quanto emerso dalla riunione della task force, composta da personale degli uffici tecnico e tributi, con la quale si sta controllando l’intero territorio comunale per censire tutti i passi carrabili, gli impianti pubblicitari e verificando anche il pagamento della tassa di soggiorno.
Il progetto prevede la mappatura, strada per strada, corredata di scheda tecnica e fotografica, di ogni passo carrabile e di ogni singola istallazione pubblicitaria, per una accurata verifica di tutte le autorizzazioni rilasciate, dello stato dei pagamenti e delle istallazioni abusive. Finora sono 2620 le rilevazioni effettuate, di cui 1150 passi carrabili e 1470 impianti pubblicitari.

“Entro settembre prossimo contiamo di concludere il censimento – afferma il Consigliere comunale, Francesco Manzo, promotore dell’iniziativa – una operazione mai fatta prima che sta portando non solo soldi alle casse del Comune ma anche regolarizzando finalmente un settore. Terminato il censimento metteremo mano alla definizione del piano generale degli impianti pubblicitari per definire regole certe e massima trasparenza. Un ringraziamento è doveroso a tutta la squadra di tecnici, dipendenti e funzionari e dirigenti che stanno svolgendo un ottimo lavoro”.