Linea storica Napoli-Salerno interrotta, protestano i pendolari

La linea ferroviaria storica Napoli-Salerno sarà interrotta per diversi giorni e non mancano i disagi per i pendolari. A rendere note le difficoltà che i viaggiatori dovranno affrontare è il portavoce del comitato dei pendolari, Antonluigi Villani, che chiede l’intervento dell’amministrazione comunale di Nocera Inferiore.

“Per la seconda volta il Terminal bus è stato collocato al termine dell’area ferroviaria di RFI lungo via Nicola Bruni Grimaldi ed è completamente privo di allestimento ed assolutamente inadeguato, e cioè è privo di un’idonea pensilina e di un idoneo servizio igienico mobile in considerazione delle particolari condizioni del luogo ed atmosferiche e delle necessità dell’utenza”, dichiara Villani.

Segue la lista dei disagi per i pendolari come l’esposizione al sole e la mancanza di idonea segnaletica dell’attuale Terminal bus e di prospetti orari cartacei dei bus sostitutivi all’interno della Stazione Ferroviaria e durante il tragitto fino al Terminal stesso.

“Il precedente Terminal bus era collocato di fronte alla Stazione Ferroviaria al lato della Chiesa di San Gioacchino, all’angolo con via Nicotera, e certamente tutelava maggiormente gli utenti in quanto gode di maggiore possibilità di riparo all’ombra, è già dotato della pensilina, non li costringe ad un lungo e pesantemente soleggiato percorso e lì vi sono anche dei bar che possono tornare utili sia a causa dei tempi di attesa sovente lunghi sia a causa della carenza di servizi igienici – va avanti Villani -. Inoltre il precedente Terminal bus fu già usato per ben 15 mesi consecutivi ai tempi della chiusura della linea ferroviaria verso Napoli per l’incidente di Portici e della concomitante chiusura verso Salerno per lavori: e non ricordo particolari incidenti”.