Sant’Antonio Abate. Ripartirà la sosta a pagamento. Ecco dove

Ripartirà la sosta a pagamento nella cittadina abatese. Per questo riavvio saranno reclutati anche i gli ausiliari del traffico, i cosiddetti “vigilini”. Già dalla prossima settimana dovrebbero essere installati i parcometri, i segnali sono già stati piazzati. Non saranno più gli agenti della Polizia Locale a controllare grattini scaduti, ma gli ausiliari del traffico reclutati esclusivamente per questo compito.

Sarà una società privata a gestire la sosta a pagamento. La società si è aggiudicata la gara indetta dalla Cuc (centrale unica dì committenza che si trova al Comune di Pompei) guadagnerà dagli incassi delle multe. Dovrà versare al Comune un canone annuo di almeno 15mila euro. La sosta a pagamento su introdotta nel 2005 poi sospesa fino 2014.

Nel 2016 la decisione di esternalizzare il servizio dopo avere accolto – come scrive Metropolis – la proposta della Polizia Locale di non potere garantire un adeguato controllo della sosta a pagamento. Previsti complessivamente 280 stalli a pagamento con alcune modifiche rispetto alla precedente situazione. Si pagherà un euro all’ora con ¡’obbligo di almeno mezz’ora a 50 centesimi.

Il costo dell’abbonamento mensile, per famiglia, per sostare nella zona di residenza sarà di 10 euro mentre. Per gli esercizi commerciali sarà di 30 euro mensili. Il servizio sarà attivo dalle 9,00 alle ore 13,00 e dalle ore 16,00 alle ore 20,00.