Angri. L’Assessore alle Politiche Sociali Maria D’Aniello si presenta

L’Assessore alle Politiche Sociali Maria D’Aniello si presenta.

“La mia nomina ad assessore è perfettamente in linea con gli intenti dell’amministrazione, ovvero il sostegno alle fasce deboli. Questa è per me la prima esperienza come assessore, e quando mi è stato proposto questo incarico, ho accettato con grande entusiasmo e passione – dichiara -.

Gli ultimi anni, hanno visto il governo centrale tagliare numerose risorse al welfare e, come se ciò non bastasse, ci ritroviamo di fronte la grave crisi che sta attraversando il Piano di Zona con un comune capofila commissariato e quindi con tutte le limitazioni che ne derivano.

Pertanto, è necessario individuare le priorità che daranno forma e contenuto al progetto di welfare territoriale e alle politiche sociali che intendo attuare ad Angri.

L’intera azione amministrativa del mio Assessorato si fonda su un assunto: Angri è, e deve rimanere, una citta del dialogo, dell’incontro, e dell’accoglienza. Per questo, il mio impegno sarà tutto rivolto alla collaborazione per la costruzione del Patto di cittadinanza: un patto tra istituzioni, soggetti privati, associazionismo e cooperazione sociale, famiglie e singole persone per sviluppare sinergie e trovare risorse, umane e finanziarie, in grado di promuovere una politica di sostegno sociale per garantire a tutti pari dignità.

La famiglia è il luogo principale di protezione sociale e per questo porterò avanti interventi e progetti per le famiglie a rischio di emarginazione sociale per difficoltà economiche, sanitarie, educative e relazionali e l’erogazione di contributi economici.

Per quanto riguarda le persone affette da disabilità l’impegno sarà sempre massimo, già adesso abbiamo il centro Orsini che funziona benissimo, e mi adopererò perché possa ampliare l’offerta di servizi. Stesso discorso per gli anziani del nostro paese, dall’assistenza domiciliare ai centri di aggregazione sociale dove possono trascorrere il loro tempo in serenità, l’attenzione sarà massima.

Riguardo le politiche giovanili, partendo dal finanziamento di centomila Euro del progetto Benessere Giovani che, proprio ieri, ha avuto il definitivo via libera in sede regionale , mi impegnerò affinché i giovani di Angri possano dotarsi di strumenti e opportunità per affrontare con successo il proprio futuro professionale e lavorativo nella loro città”.