Angri. Refezione scolastica al palo. Ecco perchè

Piatti vuoti. Ritardi nella partenza della refezione scolastica. Solo ieri fa sapere il sindaco c’è stata la valutazione a porte chiuse delle offerte tecniche pervenute. Un ritardo che avrebbe origini da scelte amministrative pregresse. Pare infatti che due anni fa alla scadenza dell’appalto alla ditta vincitrice del bando per la refezione non fu istruito alcuna nuova manifestazione d’interesse.

Era intenzione del sindaco e dell’assessore alle politiche scolastiche istituire un centro cottura nella palestra del Plesso Taverna in Via Nazionale. Un progetto da realizzare, visto le condizioni di degrado nella qual versa ancora oggi la palestra. Sono passati due anni e il centro di cottura non è stato ancora realizzato mentre per la refezione sono state fatte altre due discutibili proroghe.

La palestra resta ancora abbandonata nonostante durante la scorsa amministrazione furono stanziati 200mila euro per il suo recupero funzionale. 100mila euro furono stanziati con i fondi della legge 219, tutt’ora bloccati, mentre l’altra meta della quota fu finanziata con un finanziamento del Credito Sportivo.

Fondi, quest’ultimi, che hanno permesso l’avvio dei lavori per il recupero funzionale campetto retrostante la palestra del plesso Taverna. Con il nuovo bando di gara il progetto per il centro cottura viene sicuramente rimandato in data da destinarsi.

Luciano Verdoliva