Angri. Nuova ondata di furti nel cimitero. Tombe razziate

Nuova ondata di furti nel cimitero. Tombe sistematicamente razziate. A essere presi di mira i portafiori in rame ma anche le cosiddette luci perpetue elettroniche poste sulle tombe. Nell’inventario non mancano asportazioni di portafiori in materiale plastico del valore di pochi euro e altri accessori funerari.

L’ondata di furti è incoraggiata soprattutto la scarsa vigilanza e dalla mancanza di un video sistema di sorveglianza all’interno del perimetro cimiteriale. Da tempo il camposanto cittadino è diventato terra di nessuno sopratutto anche per l’eseguita del personale in servizio predisposto dall’ente. I dipendenti minacciano vertenze sindacali.