Pagani. Dermatologia punto di riferimento nella lotta al melanoma

L’unità operativa complessa di Dermatologia dell’ospedale “A. Tortora” di Pagani è diventato un punto di riferimento qualificato e consolidato nella lotta al melanoma. La struttura diretta dal dott. Domenico Giorgiano opera costantemente sia sul fronte della prevenzione che su quello diagnostico e chirurgico, e da anni è impegnata nella prevenzione del melanoma con un approccio moderno e multiforme, che prevede interventi di educazione sanitaria nelle scuole medie e superiori, l’organizzazione di giornate dedicate alle patologie tumorali della cute, con visite ambulatoriali gratuite, consulenze ed informazioni, con visite specialistiche di epidiascopio e stereomicroscopia ad epiluminescenza. Importante è anche il coinvolgimento dei mass media nell’opera di diffusione della cultura della prevenzione e nella sensibilizzazione dell’opinione pubblica sulle problematiche connesse.
Il reparto, inoltre, pone molta attenzione anche all’aspetto che riguarda la formazione dei medici di medicina di base e dei pediatri di libera scelta.

La struttura è dotata di tutte le attrezzature necessarie ad affrontare tutte le problematiche relative alla diagnosi e alla terapia del melanoma cutaneo. Ciò grazie all’istruzione, con delibera del Direttore Generale n.1499 del 22/12/2005, di un gruppo interdisciplinare, coordinato della dott.ssa Maria Teresa Uzzauto, titolare dell’alta specializzazione in Dermatologia Oncologica.

La Dermatologia di Pagani non è chiusa al territorio ma accoglie favorevolmente le iniziative che arrivano del sociale. Come il convegno tenutosi recentemente al teatro Diana di Nocera Inferiore, organizzato dall’Associazione italiana lotta al melanoma “Amici di Gabriella Pomposelli”. Considerato fino a pochi anni fa una neoplasia rara, il melanoma oggi mostra una incidenza in crescita costante in tutto il mondo e numerosi studi suggeriscono che essa sia addirittura raddoppiata negli ultimi 10 anni.

A livello mondiale, si stima che nell’ultimo decennio il melanoma cutaneo abbia raggiunto i 100.000 nuovi casi l’anno: un aumento di circa il 15% rispetto al decennio precedente.
In Italia la stima dei melanomi, e dei decessi ad essi attribuiti, è tuttora approssimativa: si aggira attorno a 7.000 casi l’anno.